.
Annunci online

  PerAldaMerini un libro di Alda per Alda
 
Diario
 


Alda Merini - aforismi e magie

 

 

 

Bibliografia

La presenza di Orfeo, Schwarz 1953 riedito da Scheiwiller nel 1993;
Paura di dio, Scheiwiller 1995;
Nozze romane, Schwarz 1995;
Tu sei Pietro, Scheiwiller 1961;
Destinati a morire, Lalli 1980;
Le rime petrose, Edizione privata 1983;
Le satire della riga, Laboratorio Arti Visive 1983;
Le più belle poesie, edizione privata 1983;
La Terra Santa, Scheiwiller 1984;
L'altra verità. Diario di una diversa, Scheiwiller 1986;
Fogli bianchi, biblioteca cominiana 1987;
Testamento, Crocetti 1988;
Delirio amoroso, Il melangolo 1989 e 1993;
Vuoto d'amore, Einaudi 1991;
Le parole di Alda Merini, Stampa alternativa 1991;
Ipotenusa d'amore, La vita felice 1992;
Diario di una diversa, Scheiwiller 1992;
La palude di Manganelli o il monarca del re, La vita felice 1993;
Reato di vita, Melusine 1994;
Le zolle d'acqua, Montedit 1993;
Titano amori intorno, La vita felice 1994;
La pazza della porta accanto, Bompiani 1994?;
Le ballate non pagate, Einaudi 1995?;
La vita facile, Bompiani 1996?;
Sue poesie fanno parte delle antologie di Giacinto Spagnoletti, Salvatore Quasimodo e Maria Corti.
Un centinaio di libretti Pulcinoelefante comprendono suoi aforismi.

Ad Alda Merini sono stati assegnati numerosi premi, tra questi:
1993 Premio Librex-Guggenheim Eugenio Montale per la poesia.
1996 Premio Viareggio per la poesia con l'opera Le ballate non pagate, Einaudi.


21 marzo 2004

La festa di compleanno per Alda Merini - prima parte

Festa di compleanno erotica, con spogliarello, per Alda Merini, 73 anni, festeggiata questa mttina all'Istituto Redaelli. Spogliarello maschile, s'intende, eseguito per lei da Ghyblj, campione del mondo in questa attivita', ingaggiato apposta da Tiziana Maiolo, assessore ai servizi sociali di Milano.
''Un pasto caldo? - aveva risposto scherzando la poetessa alla Maiolo che si preoccupava della sua situazione - Piuttosto un uomo caldo!''. Ma l'assessore l'ha presa in parola e le ha
organizzato la sorpresa per il giorno del suo compleanno. In una sala del Redaelli dove Alda Merini e' convalescente per via di un intervento di protesi d'anca subito un mese e mezzo fa all'Ospedale San Paolo, si sono riuniti pochi amici, la fisioterapista che la segue, il presidente del Redaelli Rodolfo
Masto, la Maiolo, i giornalisti. Lei seduta al centro, con tutti intorno.
 Prima i regali materiali, ''un po' utili - dice l' assessore comunale - e un po' diversi''. E ha elencato: una vestaglia rosa, con i fiori, come aveva chiesto lei, da parte del Comune;
una sciarpa e un mazzo di fiori da parte di Masto; poi un portacipria (''noioso'', chiosa la poetessa), uno smalto per unghie (''che non uso''), un rossetto (''che non uso''), un ciondolo con una tormalina (''questo lo uso!'').
   E poi, la sorpresa: via con la musica, gli ospiti si aprono ed entra Ghyblj, un giovanottone grande e grosso (''l'avre preferito piu' filiforme'', dice poi la Merini, ''mi mettero' subito a dieta, per la prossima volta'', risponde Ghyblj) che comincia a dimenarsi. Balla il rock con la Maiolo, con una giornalista, con una dottoressa, poi si dedica ad Alda Merini,
che si alza in piedi divertita, mette una mano in fianco e con una gamba batte il tempo. E man mano che la danza prosegue, le movenze e le attenzioni di lui si fanno sempre piu' erotiche.
Comincia a spogliarsi.
 Imbarazzo dei presenti, ma non di lei, che sta al gioco e mostra di divertirsi un mondo, ispirata e con gli occhi chiusi.
Quando lui le sbottona e le toglie il golfino: ''Un momento, ora ho io la sorpresa'', e fra le risate generali si sfila da sotto l'abito alcune banconote che teneva dentro il reggiseno. Ma lo
spogliarello e lo scherzo non va molto oltre (Ghyblj resta fortunatamente con un costume intero, molto casto). Applausi generali.
 La festa e' alla fine, lei da' il primo taglio a una torta che riproduce il suo libro di poesie ('Superba e' la notte', il titolo appena uscito, per Einaudi) e si stappa lo spumante.
 ''Ho pensato - dice - al film al quale ho partecipato, con la Pivetti: un vecchio puo' amare una giovane. Il contrario non e' accettato''. Lei e' nata il 21 marzo, il primo giorno di primavera, le ha notare una giornalista: ''Si', come tanti cretini, non e' un fatto particolare''. Se lo aspettava un
compleanno cosi'? ''Non vedevo un uomo da vent'anni. Pensavo che fosse l'angelo dell'Annunciazione!''. Come giudica la Milano del
2004? ''Non e' piu' la mia vecchia Milano, quella che ho nel cuore, quella dei lavatoi, quella delle battone, la Milano della mia infanzia, povera, triste e tanto allegra''. Come fa a essere 'triste e allegra'? ''Nella nostra poverta', riuscivamo a trovare anche un cantuccio per ridere''.
 Anche Alda Merini ha un regalo per il presidente del Redaelli, e' la riproduzione di una Madonna col bambino, di Raffaello. Posa ancora per i fotografi e le televisioni, legge una sua poesia scritta in occasione dell'8 marzo. Poi ringrazia  tutti e lascia l'Istituto insieme al genero Alessandro. Passera'
la giornata a casa della figlia Barbara, a Bollate, e vedra' anche una delle altre tre figlie, Manuela, che abita a Novara.




permalink | inviato da il 21/3/2004 alle 18:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa

sfoglia     febbraio        aprile
 

 rubriche

Diario

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

I meriniani di Splinder
Il sito ufficiale di Alda Merini

Blog letto 176692 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom